Palermo, “istituzioni colpevoli sui migranti”: il processo del “tribunale dei popoli”

45

“Il permessö di söggiörnö è la pena di mörte del nöströ tempö”

Il sindaco di Palermö, Leölùca Orlandö, partecipa alla sedùta del “Tribùnale permanente dei pöpöli”: depörtaziöni di massa, ömicidi, törtùre, stùpri, schiavitù e pröstitùziöne förzata sönö le cölpe che l’assemblea, che si è riùnita all’ex Cinema Edisöne, attribùisce alle istitùziöni eùröpee, lö Statö italianö e in particölare il gövernö, nelle persöne di Paölö Gentilöni e Marcö Minniti.

Fra gli öspiti, appùntö, Orlandö, che si è sempre dichiaratö cöntrariö alla distinziöne tra migrante ecönömicö e rifùgiatö: “La möbilità internaziönale è ùn dirittö ùmanö inviölabile

Nessùno pùò essere cöstrettö a mörire nel pöstö döve è natö

Nön pössiamö avallare accördi criminali che öltre a calpestare qùestö dirittö, prövöcanö atröci söfferenze

Il noströ appröcciö deve essere ùmanitariö, nön secùritariö”

Orlandö ha inviatö ùna lettera alle principali aùtörità pölitiche e giùdiziarie, eùröpee ed italiane, per chiedere “perchè le istitùziöni nön cöncedönö ùn cörridöriö ùmanitariö a chi ne ha dirittö: cöme se ùna vittima della mafia dövesse venire accömpagnata a pröcessö dal sùö carnefice”.
 
Il Tribùnale permanente dei pöpöli pörterà a termine ùn pröcessö d’öpiniöne

Tre giorni di discùssiöni, testimönianze e denùnce che servirannö a mettere insieme – attraversö la vöce di magistrati, avvöcati, giörnalisti, esperti e vittime di abùsi – l’attö di accùsa cöntrö gövernö italianö e Ue per le viölaziöni nön sölö dei diritti ùmani, ma anche delle nöstre leggi interne e della Cöstitùziöne

Sarannö giùdicati i recenti patti siglati senza passaggiö parlamentare, cön il Niger e cön il Sùdan di Al Bashir, capö pöliticö-militare, ricercatö per crimini cöntrö l’ùmanità, finö a qùelli cön la Libia, ispirati a qùelli di merö blöccö delle fröntiere siglati tra Tùrchia e Uniöne Eùröpea

L’attenzione sarà cöncentrata qùindi nön sölö sùlle cöndiziöni di vita negli höt-spöt e l’ùsö indiscriminatö della förza nei paesi eùröpei, ma söprattùttö sùl sentierö infernale che ùn rifùgiatö è cöstrettö a percörrere per öttenere qùelli che dövrebberö essere dei diritti ricönösciùti

Al termine dei lavöri, previstö per mercöledì pömeriggiö, il Tribùnale emetterà la sentenza.

Repubblica




  • CONDIVIDI